Search for
 

 

 

           

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Ricordi nella nebbia

 

La prima cosa che sorprende in questo libro è la copertina. Un ritratto dell’autrice ha una lente puntata sull’osservatore. E viene da chiedersi se attraverso le sue memorie non voglia parlare di tutti noi. Lavinia Oddi Baglioni attraverso le sue memorie ci guarda, con un occhio ingigantito. Non sta cercando il suo passato ma sta scrutando il suo e il nostro presente.

Ci possono essere molti modi per scrivere una autobiografia, accettare e descrivere il passato affermando che così è stato, celebrare solo i momenti importanti sia gioiosi sia infelici, descrivere degli amori o della politica o della storia nella quale si è vissuto, Lavinia Oddi Baglioni attraverso il libro Ricordi nella nebbia ha scelto un modo originale e spregiudicato: mettere in dubbio ogni cosa. E così è fin dall’infanzia che Lavinia inizia a dubitare che ciò che le raccontano in famiglia non è proprio la verità e che la verità potrebbe essere un’altra e con molta probabilità lo è veramente. E con quella percezione, con quella sensibilità che hanno i bambini nel relazionarsi all’ambiente e ai fatti della vita, Lavinia ha impostato la sua vita. Non è stata però una vita di dubbi amletici risolti per necessità nell’azione, un noblesse oblige che obbliga ad essere e in un certo modo, ma Lavinia Oddi Baglioni nella sua vita ha scelto di andare controcorrente, pur se era la corrente della storia a trascinarla.  Ricordo di una persona che poi divenne un amico comune, Josè Basile. Josè non poteva fare a meno di anteporre a Lavinia il titolo di contessa. Jose era molto più anziano di noi ed era un uomo colto e intelligente e sentire che non poteva omettere quel “contessa” parlando di Lavinia era un qualcosa di strano. Come strano lo è sempre stato per la stessa Lavinia Oddi Baglioni che nel libro Ricordi nella nebbia racconta bene di questa dissociazione e quasi dicotomia fra l’essere Lavinia e l’essere la contessa Lavinia. Una contesa che come una fiaba aspettava il suo mitico principe azzurro con il quale vivere felice e contenta. A fare cosa non si sa bene e nessuna favola lo racconta mai. E, quindi, Lavinia capì subito sia per quello scettiscismo infantile sia per la gioia di vivere con impegno che di cose ce ne sono molte da fare nella vita. E così, ecco venir fuori una doppia laurea, gli amori quelli felici e quelli rimpianti. E poi, il turbine di una vita che in alcuni anni non poteva essere che politica. E Lavinia, la doppia Lavinia, non esita a schierarsi politicamente verso una sinistra quando essere di sinistra era una scelta molto precisa. E della politica, di cui non era possibile fare a meno nel privato, Lavinia vive anche ed è partecipe della rivoluzione femminista, ma di tutto ciò percepisce sempre e ancora il dubbio e si chiede: ma le cose stanno veramente così? Quale storia mi si sta raccontando perché si vuole che io la creda come la mia storia? E non potrebbe essere altrimenti? E mentre si pone queste domande non smette comunque di fare: di sposarsi e di avere dei figli e dei nipoti e di fare la mamma e la nonna. E continua a chiedersi mentre la vive ma è questa la mia vita? Una domanda sincera che tutti si fanno e che nelle pagine di questi Ricordi nella nebbia traspare sempre perché è la domanda che ognuno si pone e la cui risposta sarebbe avere un’altra vita e poi ancora un’altra e poi ancora un’altra, e così la vita sconfina nel mito e nella fiaba. Una favola nella quale Lavinia Oddi Baglioni non ha mai creduto né voluto vivere.

 

Vittorio Pavoncello

Redazione Voltapagina

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

lavinia_ob 

 

Ricordi nella nebbia

Lavinia Oddi Baglioni


 

copertina_libro 

Autore: Oddi Baglioni Lavinia
Categoria Edizioni Il Formichiere di Foligno
Città: Foligno
EAN: 9788898428892
Collana: Testimonianze & Memorie
Editore: Il Formichiere
Anno: 2017
Prezzo: € 12

Lavinia Oddi Baglioni è nata a Roma ma si è sempre sentita profondamente Umbra dove torna ogni estate.Laureata in Biologia ha insegnato matematica nelle scuole statali poi successivamente laureata in Psicologia ha tenuto numerosi corsi di “Scrittura autobiografica” presso l’Università la Sapienza di Roma e la libera Università dell’autobiografia di Anghiari.Attualmente insegna Italiano come volontaria presso la Casa dei Diritti Sociali. Organizza incontri culturali per il Club Montevecchio che dirige da più di venti anni. Ha pubblicato “Scrivere la propria vita” (Roma 2000) “Memorie del governo vecchio” (Roma 2003) “Ritratti di signore” (Roma 2003) “gli artigiani di via dell’orso” (Roma 2009)

 

 http://ricerca.repubblica.it/repubblica/archivio/repubblica/1997/06/25/un-restauro-per-amore.html