Search for
 

 

  

    

   

     

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

ENOMIS   

simone carunchio

 

la falena

 

Visibilissime erano le stelle,

in quell’angolino del globo

così debolmente illuminato

che esse risplendevano vivissime,

mentre noi amabilmente si chiacchierava

tra noi causando dell’atto di sodomia

- che il solo chiamarlo così ne toglie tutta la poesia -

che, ecco, un’improvvisa sorpresa

ci colse entrambi, facendoci sospendere

ogni nostra attività, e rimanemmo

un istante là, esattamente come le stelle

che sbrilluccicano perché stupite di affacciarsi

dal niente: il più che particolare

si tramutò nel più che universale,

nell’ottica dell’antropomorfa metaforica

metafisica: una di quelle farfalle

notturne, dette falene, che al calare

della sera si fiondano disorientate

verso una fonte di luce o di calore,

ecco, che sbandando si buttò a capofitto

verso la nostra romantica candela

 

Subito si sparse un forte odore di fritto:

la farfalla ci aveva rimesso un’ala

e subito precipitò nella letale cera

 

E così al buio si passò

mentre era ancora sera

 

Con orrore in me mi reincarno,

traslandomi dall’osservazione

di quella buia e nuda farfalla,

e mi chiedo se lei è scema …

poi mi ritraggo e mi chiedo,

colorato, se non sono io

un abbigliato codardo

 

 

            

le colonne del dubbio

 

Azzurre come fiamme nella luce blu

le bianche colonne tremolavano

fredde in più punti sbeccate

a protezione del più sacro

tabernacolo (abbracciandolo

come in calda gabbia) del più misterico

tempio, poco più avanti noi;

mentre noi, avvolti su noi

dalla dolce puzza acre

di una vita sporcatamente

vissuta negli ultimi inebrianti

fluidi al limite del crepuscolare

(insomma un forte odore di sudore);

noi, ci facemmo accarezzare

dal lieve soffio della purulenta

e adamantina serale che divinava

enigmatica, seraficamente,

sibillando chiedendoci:

“Avverrà che in tempo maturità

uomini già vecchi oscilleranno,

spiazzati, fra due risalenti verità:

ama il prossimo tuo come te stesso; e:

ai cieli arrivò dimenticando se stesso”

 

Ci graffiò questo canto immobile

lievemente sussurrato

Ci graffiò come forte folata

su spiaggia sabbiosa desertificata

Almeno a me sicuro, non so a te, amico,

a me, dimentico;

al me che non amo come non amo

il prossimo mio; a me,

io, che incarno perfettamente

quello che reprimo: io e me stesso

Io, ne rimasi segnato!

Qui la contraddizione della divina

sua lezione, per cui dolore e godere

sono intrecciati al piacere

 

Le colonne del misterico tempio

vergognosamente avvamparono

per l’impudico rosso segreto

di questa deifica profezia

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

enomis 


 
 

Lo specchio di Enomis

Chi è Enomis?
Enomis è l’incarnazione virtuale di tutto ciò che Simone Carunchio non vorrebbe essere; l’utopista; colui che si è messo a scrivere senza avere, in principio, alcuna idea di ciò che stesse facendo e, soprattutto, senza avere alcuna idea utilitaristica da sovrapporre all’attività, pura, della scrittura. C’è però da sottolineare che anche in questo caso alle leggi della natura umana, dell’essere umano, non si può scappare: se dunque Simone Carunchio partì dall’utilità per arrivare all’inutilità di Enomis, forse Enomis partì dall’inutilità per giungere all’utilità. Insomma i due personaggi sono inscindibili: l’uno è l’immagine riflessa dell’altro.


Ma chi è Simone Carunchio?
Bella domanda, si potrebbero elencare attività passate e presenti e magari anche quelle future; si potrebbero elencare titoli sociali, familiari e anche tutti i nomignoli che nel corso del tempo ha accumulato e ricordato accuratamente. Ma qui lo indichiamo come un individuo che, in modo necessariamente fallimentare, visti i limiti naturali dell’essere umano, vorrebbe riuscire a dimenticarsi nell’oblio, il quale non indica e non include necessariamente assenza di memoria. Simone Carunchio è, perciò, la parte mondana, quella che ha bisogno di compagnia, di soldi, dei titoli sociali, dell’elaboratore, del cellulare, ecc, del nostro Enomis... qui, nulla più.