Search for
 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Paolo Pelli è un funambolo sul filo della poesia, i due estremi della corda sono il senso e il non senso. E' quindi difficile quando ci si trova nel vuoto dello scrivere non restare ancorati sul senso o il suo contrario per timore di approdare da un'altra parte. Oppure è difficile fare su e giù su quella corda tenendo sempre i piedi sulla parola “trovata”. E così, come il funambolo dando spettacolo rischia la vita, la poesia di Pelli è divertente buffa, festosa - questo non significa che sia una poesia vuota o giocata tutta sulle forme o sui ritmi e sul gioco delle parole - è invece una poesia ricca di morale e di satira pungente come avviene nella poesia classica, e qui rischia. Il bilanciere con il quale Pelli si mantiene, in equilibro. Rischia a volte di cadere in testa al lettore, però con un guizzo, un artificio, ed una estrema bravura, il funambolo del linguaggio padroneggia per spaventare, perché poi con la disinvoltura del poeta fa una piroetta, fa un passo avanti con il bilanciere ben saldo sulle mani e oscilla fra satira e morale. A volte lo ritroviamo su di un esile punto d’appoggio per un difficilissimo esercizio, che potrebbe far cadere tutto il sistema. Ma niente paura, laddove altri andrebbero lentamente Pelli fa le corse, in mezzo a tanti virtuosismi. E qui la poesia sembra farsi danza e cercare un gesto, un movimento, che non sparisca nel fluire della musicalità, cerca una azione più vera nella esistenza, cerca un gesto, ma nella poesia dei funamboli un passo falso, un gesto, potrebbero rovesciare tutto, quindi meglio non farne e costruire passo dopo passo solide matematiche metriche e continuare a farsi beffe di ogni legge di gravità.

 

per voltapagina vittorio pavoncello









Paolo Pelli

I

MADAMA DO RE

 

La donna la moda la doma

la danna e le dona la soma

 

Re Mida le mette la dima

Re media la redime

Re Duomo la raduna

Re demo dirama e dirime

 

al danno non danno rimedio

al soma solo l’arredo

domus di marmo e d’oro nero

rema morendo nel mare moro

rode nel pomo al modo d’adamo

ride radendo e l’uomo e il ramo

d’ardore adora dolore

d’amore nodo ed errore

 

la dama madonna moderna

disdoro di madre odora la merda

non dorme lei dorme sul derma

lei dorme non morde madama

 

 

 

 

GENERAZIONE SALTATA

 

generazione che non genera azione

che non regna nazione

ragioni di razza

razzia di regioni

tensioni di genere

geni in erezione

nera stagnazione

miraggio di rata raggira persone

magia e regia azzera pensione.

 

Saltata lessata salata

per megabbuffata

per banda affamata

razione non basta

porzione non resta

padrone protesta

raschiata la crosta



















































































































































































































































































































































































































































 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

paolo_pelli 

Questa poesia, come scrive Francesco Muzzioli nell’Introduzione, si muove al di fuori dei facili lirismi spontanei presentandosi come un lavoro sul corpo sonoro della parola e sulle tematiche centrate sul degrado della società italiana, sulla terra di Re Mida diventata di Re Media, dove la libertà conclamata nasconde l’impossibilità di scelta, dove una classe dirigente impresentabile fa rissa e razzia.
Allora, nella poesia, l’indignazione si trasforma in ironia, beffa, sarcasmo, in gioco, come nei versi di Palazzeschi e Sanguineti.

 Paolo Pelli è nato nel 1957 a Roma dove attualmente risiede.

Si divide tra la sua antica passione per il mondo acquatico e l’interesse per le arti e la letteratura.

Per circa 18 anni ha lavorato presso una struttura pubblica nel campo della tutela e della didattica relative all’ittiofauna delle acque interne. Si è dedicato successivamente alle specie tropicali collaborando anche con riviste del settore.

Recentemente il suo mai sopito interesse per il versante artistico-letterario lo ha spinto a laurearsi in Lettere e filosofia.

Questa è la sua prima raccolta poetica.