Search for
 

 

  

    

   

     

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

ROSSELLA POMPEO

 

Da “Oltre il muro le cose”

 

Segretamente incensati

Nello spasimare

Dell’anime chine in preghiera

Nerastre nelle vesti

A lutto piangenti

S’odora dappertutto

Il salmo responsoriale

Ovunque s’innalza

Nel vocìo fitto

Al buio dell’anima

Un lieve lamento

Via via più sonoro    

L’acquasantiera

Si vibra nell’eco

Udito e

L’unione del nero

Chino, le mani giunte

Anelanti il perdono

Crocifisse nei volti opachi

Aride le rughe

Fan da via del dolore

Che sale fin negli anfratti

Dispersi ove il bianco

Incendia un velo sempre

Nero

Vi è pure il glicine

Interrato e cresciuto

Di speranza e acqua

Intriso fuori ad

Aspettare che il

Soliloquio del dolore

Si spenga lento-lento

Come le campane

Muoiono al giorno

 

              ---

 

 

Respira quieto
Il latteo muro
Non osa
Lui vorrebbe
Ma sempre si posa
Ovunque è ammirato
Appare muto
Non mai sproloquia
Non mai tenta
L’impensato
Impeto lo tace
Nel suo bianco implora
Almeno il gesto
Dell’audace osservatore
Che non tema il
Freddo accarezzare

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 


 
 

Rossella Pompeo nasce ad Anagni nel 1974. Vive e lavora a Roma. Ha pubblicato la raccolta di racconti: “Roma è come Asmara”, (Editrice Zona), le sillogi poetiche "Oltre il muro le cose" (Manni Editori) e "Mite frastuono" (Prospettiva Editrice). Suoi componimenti poetici sono apparsi inoltre nel: “Lunario di poesia”, Ed. del Giano, curato da Antonio Veneziani; sulla rivista “L’immaginazione” e sull’antologia “Poetica”, Ed. Aletti. Collabora con Philosophema, bimestrale di filosofia. Ha sceneggiato e curato la regia del cortometraggio “Le mani antiche”, tratto dal suo omonimo racconto. Ha curato l’adattamento della sceneggiatura cinematografica dell’ultimo film, di prossima uscita, del regista Bogdan Dumistrescu-Dreyer, con Gérard Depardieu. Il suo racconto “Our Garden Seat” che apre la raccolta “Roma è come Asmara” vince il terzo posto del 29’ Concorso Internazionale Città di Moncalieri 2008”.

 

Rossella Pompeo esordisce nel 2007 con la raccolta “Oltre il muro le cose”

http://rossellapompeo.wordpress.com