Search for
 

 

  

    

       

SANDRO GIACCHETTI

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Parigi  

 

Parigi, ... si,

direi Parigi, a novembre, magari con la pioggia.

 

Ti regalo un indirizzo piccolo e geloso dove c’è una strada e un palazzo con le cornucopie e le rane di stucco sul portone e poi una bottega che sa d’anice e di frittelle calde, ma solo a una cert'ora ... 

 

… e lo zucchero che luccicava sulla sua sciarpa nera. Sorrideva. Profumava di colori ad olio e del mio corpo.

 

Te n’andrai un giorno, quando ci sarà il sole te n’andrai… Fammi l’amore qui, sul davanzale della finestra chiusa, dietro ai vetri imperlati di gocce di pioggia e sopra i tetti lucidi d’ardesia. Quando partirai, prima di partire, colorami una tela. Di quelle che colori tu. E scrivici parole. Quando partirai, quando verrà il sole, non scordarti della tela colorata. Fammi l’amore qui, sul davanzale della finestra chiusa. Ho freddo: la tua camicia. La metto, mentre mi fai l’amore. Voglio essere composta come una ragazza per bene. E anche la cravatta. Te n’andrai un giorno quando ci sarà il sole. Te n’andrai perché voglio essere composta come una ragazza per bene. Avrò un marito e poi anche dei figli, un giorno, dopo che tu sarai andato via, in un giorno di sole. Sole, andrai via con il sole. Sola davanti al davanzale della finestra chiusa, dietro ai vetri imperlati di gocce di pioggia e sopra i tetti lucidi d’ardesia.

 

Ho visto la tua borsa, quella color del sangue, là, sul letto e ho visto una tela che hai colorato per me, là sul davanzale della finestra chiusa, dietro ai vetri lampanti del sole nel mattino e sopra i tetti opachi d’ardesia bruna. Eccoti la camicia e anche la cravatta, sono tue. Avrò un marito, e poi anche dei figli, ed io non potrò mai più indossarle sul mio corpo perché adesso, da adesso (e per sempre), sanno di me, di colori ad olio e del tuo corpo. Non appenderò la tela (quella che hai colorato tu e sulla quale hai scritto le parole) perchè finché non avrò un marito, e poi anche dei figli, la terrò sul letto, accanto a me cosi, nelle notti di pioggia le dirò che sta piovendo... e in ogni notte di pioggia, t'amerò...

 

Parigi, direi Parigi, a novembre, magari con il sole e una camicia.

 

 

Sandro Giacchetti

  

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

SANDRO GIACCHETTI

La zebra è a strisce nero su fondo bianco o bianche su fondo nero?