Search for
 
 

   

 

  SILVIA CUTRERA  

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Invisibile disabilità a Teatro

 

 

 

Se uno va in giro con la sedia a rotelle perché non ha l’uso delle gambe o con il bastone bianco perché è cieco, non deve certo mettersi a spiegare il perché e il per come! Ce l’ha scritto addosso :“sono disabile”. Disabile? Quanto non mi piace questa parola. Dicono che la sordità sia un handicap invisibile, ma perché allora doverlo mostrare?

 

Se lo chiede Amalia, ragazza sorda dalla nascita, studentessa universitaria in Storia dell’Arte, lavoratrice come hostess in un Museo, personaggio del monologo Amalia e basta, testo vincitore del secondo premio del concorso Teatro e disabilità, (AVI Associazione Vita Indipendente e ECAD)  del primo premio Sipario – Autori Italiani 2012 e del primo premio Inedito – Colline di Torino.

Messo in scena e rappresentato dall’autrice, Silvia Zoffoli, in forma di “Primo studio”, lo spettacolo in cartellone al Teatro Due di Roma, all’interno della Rassegna  Sguardi S-velati, affronta il tema della sordità sollecitando interrogativi sul nostro rapporto con la diversità.

Entriamo in platea e Amalia è già sul palco, una scenografia colorata e minimale,  una delle sale del Museo dove lavora, due pannelli, dei quadri, uno sgabello e un orologio.

 

Oggi il tempo non passa mai. Devo stare qui senza parlare per ore e ore, seduta o al massimo in piedi a fare su e giù per la stanza.

 

Inizialmente il suo silenzio ci appartiene, lo riconosciamo, cela  pensieri, fantasie, ascoltiamo la sua voce interiore che è simile alla nostra, immaginiamo i quadri che lei vede tutti i giorni, ma nei quali riesce a scorgere ogni giorno nuovi dettagli, scopriamo la sua passione per l’arte, la lettura, i viaggi e il suo desiderio di poter cambiare lavoro. Ed ecco che un visitatore le chiede un’informazione, e nel rispondere la voce di Amalia non è più la stessa, è nasale e stentata. Noi interrompiamo l’identificazione, siamo disorientati mentre scopriamo che Amalia è sorda.

Ed è la stessa Amalia che ci conduce nel mondo dei sordi facendocene ripercorrere l’infanzia

 

Cosa ne possono capire gli altri della mia sordità? Cosa ne sanno di doverti mettere a soli tre anni degli aggeggi nelle orecchie che ti danno fastidio e ritrovarti con una signora che ti ficca delle cose strane in bocca per farti articolare bene le parole? Cosa ne sanno di vedere le facce tristi dei tuoi genitori perché tu non riesci a fare miglioramenti e invece tu t’impegni con tutta te stessa perché non vorresti deluderli? Cosa ne sanno di cosa significhi veramente essere sordi?!

 

Anche l’adolescenza è un cammino non facile, costellato di rifiuti riversanti una non accettazione di sè

 

L’adolescenza è stato il periodo più difficile, lo è per tutti, ma io evitavo di uscire se sapevo che si sarebbe andati a una festa affollata e rumorosa, rinunciavo alle gite al mare o in piscina perché mi vergognavo di mettere e togliere le protesi, e se conoscevo un tipo carino, che mi chiedeva di andare al cinema o a teatro, trovavo sempre una scusa perché l’unica cosa che volevo evitare era di dovermi sentire “sorda” o, soprattutto, che lo pensassero gli altri.  Per me significava mostrare una mia debolezza, la mia parte più fragile e io…io, invece, volevo sentirmi come tutti.

 

Ogni persona è unica e perciò diversa da ogni altra, ma è pervicace la richiesta sociale di adeguamento a parametri di normalità, condizione che ostacola l’accettazione della propria individualità, vale per tutti ma soprattutto per una donna con disabilità, doppiamente discriminata. Così sembra essere Amalia nel momento in cui le si prospetta un accomodamento sentimentale compensativo in ragione della sua sordità. Dall’ opposizione a questa realtà percepita come ingiusta deriva il momento di catarsi

 

Non mi importa niente dei ragazzi, l’unica cosa che vorrei ora è piangere fra le braccia di mia madre che mi rassicura dicendomi che va tutto bene, voglio mio padre che si mette sul tappeto a disegnare i cartoncini con le figure colorate e le parole scritte sotto. E’ scattato ora il rosso, chi se ne frega passo lo stesso…(cade) Ahi che botta! Cos’ è successo? Questa macchina deve aver frenato di botto…e io sono caduta. Ahi la gamba! Il tizio ha aperto la portiera e sta venendo verso di me. Ahi che dolore!

 

La frenetica ricerca di un’uguaglianza capace di rassicurare si scontra con l’ineludibile conflitto dialettico tra sé e gli altri ed è nell’incontro con Luca, l’investitore automobilistico e ora nuovo amico, che si svelano i meccanismi difensivi messi in atto per governare la paura di un coinvolgimento affettivo.

 

Se vuoi continuare a mentire a te stessa fallo pure,  ma il muro fra te e me non è la tua sordità, ma la tua paura. Sai cosa ti dà fastidio di me? Io non evito di dirti le cose, io non ti ho mai trattata in modo diverso solo perché sei sorda? Non hai qualcosa in più o qualcosa in meno perché non ci senti…per me sei speciale perché sei tu, così come sei, Amalia e basta!

 

La  nostra protagonista  riuscirà a laurearsi senza far trapelare la sua sordità, una sorta di riscatto personale, un voler raggiungere il traguardo in condizione di parità, senza pietismi o favoritismi e infine a lasciarsi amare  per ciò che è: Amalia e basta.

 

I professori sono tutti lì allineati, il presidente si alza in piedi, mi fa i complimenti e dice la frase di rito “Con i poteri conferitimi dal rettore fra….ti….ini..di questa università..”non riesco  proprio a concentrarmi sul labiale, sono troppo felice, leggo solo la frase finale…” dottoressa in Storia dell’arte, con la votazione di 105 su 110 e lode”

Evviva! …Stringo la mano al presidente della commissione, stringo la mano al mio relatore e a tutti gli altri professori. Io, Dottoressa? Non ci posso credere! Grazie, Grazie, Grazie..

 

- Mi scusi, una curiosità, ma lei è straniera?

 

- No…(ha un attimo di tentennamento) sono sorda. (sorride)

 

Aver affidato al teatro, luogo d’ascolto per eccellenza, il compito di comunicare cos’è la sordità ha rappresentato una sfida vinta. L’autrice-attrice è riuscita, attraverso il linguaggio orale e quello dei segni,  a rielaborare in modo scenico la realtà. Il monologo a più voci è stato in grado di restituire lo sguardo interiore di Amalia e quello degli altri sulla sordità, gli spettatori escono con una mutata sensibilità verso questa invisibile disabilità.

Accade spesso, anche a teatro, di relegare la tematica a circuiti di settore rendendo la disabilità una questione emarginata, è perciò apprezzabile l’impegno del Teatro Due volto a favorire una maggiore fruizione dello spettacolo per un pubblico più vasto.

 

 

Silvia Cutrera – roma 1 novembre 2012 – per voltapagina

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Silvia Cutrera  Laureata in Scienze  Politiche  Ha lavorato per alcuni anni presso la Corte dei Conti sede di Milano

Ha  fatto parte   dal 2002 – 2007 del Componente Direttivo Associazione Paraplegici Roma-Lazio

Attualmente  Presidente dell’Associazione di volontariato AVI onlus Agenzia per la Vita Indipendente di Roma

www.vitaindipendente.net

 

 

 

                           silvia zoffoli
 
 
locandina amelia e basta